News

Iscrizioni a +Europa: l’istanza di Marco Cappato e la risposta dell’amministratore Silvja Manzi

IN DATA 21 GENNAIO 2019 E’ PERVENUTA LA SEGUENTE ISTANZA DA PARTE DEL CANDIDATO ALLA SEGRETERIA DI +EUROPA, MARCO CAPPATO

 

Richiesta di annullamento delle iscrizioni collettive e di accesso paritario alle informazioni (Pdf)

Premesso che:

  1. Negli ultimi giorni sono arrivate migliaia di iscrizioni a +Europa;
  2. Tale fatto, da salutare con soddisfazione, va accompagnato a una rigorosa attività di controllo del rispetto delle regole statutarie, per garantire la effettiva correttezza del processo elettorale congressuale;
  3. In base allo Statuto vigente (nonché a quello che sarà esaminato al prossimo Congresso del 25-27 gennaio, già presentato in Parlamento per la registrazione), si considera iscritto a +Europa chi paga la quota di iscrizione annuale “che deve essere versata individualmente da ciascun Associato, essendo escluse le iscrizioni collettive” (art. 6.3 comma 4);
  4.  Il Consiglio di +Europa del 5 gennaio u.s. ha ufficialmente deliberato – a chiarimento di iscrizioni collettive pervenute fino a quel momento in modo non conforme allo Statuto, ma considerate comunque valide perché effettuate da uno dei soggetti fondatori – che dal 6 gennaio sarebbero state accettate solo le iscrizioni individuali con versamento online, fatta salva la possibilità di potersi iscrivere con altra modalità di versamento stabilita dall’amministratrice e, previo accordo con la stessa, in occasione di costituzione di gruppi o eventi pubblici.

Considerato che:

  • si ha notizia di iscrizioni pagate attraverso un singolo versamento collettivo;
  • si ha notizia di persone che sono state iscritte attraverso un numero imprecisato di carte di credito utilizzate più volte;
  • l’utilizzo della stessa carta di credito per effettuare, con molteplici transazioni, più iscrizioni online corrisponde esattamente alla definizione di “iscrizione collettiva” non consentita dall’art. 6.3 comma 4 dello Statuto.

Tutto ciò premesso e considerato, si chiede:

a) quale potere sia stato esercitato dagli organi statutari competenti per provvedere all’annullamento delle iscrizioni statutariamente illegittime, ed in particolare per provvedere all’annullamento delle iscrizioni pervenute attraverso un singolo bonifico (con eccezione di quelle raccolte ufficialmente dai soggetti costituenti), nonché, e di conseguenza, l’annullamento di tutte le iscrizioni pervenute dal 6 gennaio attraverso versamenti non conformi alle disposizioni statutarie, da ultimo ribadite e ulteriormente precisate dal Consiglio del 5 gennaio 2019.

Al fine di garantire un accesso paritario alla conoscenza, si chiede inoltre che:

b) vengano forniti a tutti i candidati alla Segreteria i dati delle iscrizioni a +Europa, non solo in termini numerici ma anche in relazione alla provenienza geografica (Regione, Provincia e Comune), alla data di versamento e al mezzo di pagamento utilizzato;
c) siano fornite a tutti i candidati alla Segreteria tutte le informazioni, che sono state date al Coordinatore, lui stesso candidato alla segreteria di +Europa, da parte della società che ha gestito le iscrizioni e tutta la fase precongressuale (numero sottoscrizioni, provenienza, modalità di firma, nomi iscritti) nonché le informazioni relative alla campagne di comunicazione.

Milano, 20 gennaio 2019

Marco Cappato

 

 

IN DATA 22 GENNAIO 2019 L’AMMINISTRATORE DI +EUROPA, SILVJA MANZI, HA COSI’ RISPOSTO (Pdf)

In ordine all’istanza pervenuta in data 21 gennaio c.a., si precisa che:

il Consiglio del 5 gennaio ha dato mandato all’amministratore di verificare le iscrizioni che per le modalità di raccolta e i mezzi di pagamento presentassero evidenti anomalie; lo stesso tema è stato affrontato anche nel Consiglio del 19 gennaio a fronte del numero crescente di iscrizioni dei giorni precedenti;

 

su indicazione del Consiglio, l’amministratore sta dunque procedendo ai necessari controlli sulle iscrizioni che, a partire dal 6 gennaio, siano state operate cumulativamente da un solo mezzo di pagamento, in modo da limitarle a casi specifici concordati e noti all’amministratore stesso, escludendo le altre;

 

non vi è stato alcun utilizzo privilegiato né discriminatorio dei dati di cui +Europa è titolare da parte di alcun candidato alla segreteria e il personale responsabile del trattamento ha scrupolosamente osservato tutte le disposizioni in materia di tutela dei dati personali;

 

i pin per la sottoscrizione delle candidature a Segretario e delle liste per l’Assemblea non sono nelle disponibilità di +Europa ma sono stati generati e gestiti direttamente dalla società incaricata – Dotmedia srl – proprio per evitare anche la sola possibilità di alterazione del corretto svolgimento della fase pre-congressuale; nessuno in +Europa ha avuto né ha tuttora “materialmente” la possibilità di associare un nome a un pin;

 

per la suddetta ragione non è stata fornita da Dotmedia a +Europa alcuna informazione relativa alla modalità di sottoscrizione, alla provenienza e al nome degli iscritti firmatari delle candidature (il loro numero era invece pubblico su congresso.piueuropa.eu).

 

Si comunica inoltre di avere richiesto a Dotmedia srl:

 

di selezionare il numero di iscrizioni a partire dal 1° gennaio che siano state complessivamente operate da un mezzo di pagamento (carta di credito, bonifico o conto PayPal) che abbia operato più di una iscrizione;

 

di redigere un report con una selezione delle iscrizioni per comune, provincia e regione.

 

Quest’ultima documentazione sarà inviata al richiedente Marco Cappato. Inoltre, tutte queste informazioni saranno rese disponibili ai congressisti e pubblicate sul sito ufficiale di +Europa.

 

Si comunica infine che se nell’ambito dell’accertamento richiesto dal Consiglio – sulla base delle informazioni richieste a Dotmedia – dovessero essere verificate irregolarità palesi, prima del Congresso saranno cancellate le iscrizioni giudicate irregolari e le sottoscrizioni di candidature e liste operate dai suddetti iscritti.

 

Roma, 22 gennaio ’19

 

Silvja Manzi

Amministratore +Europa

 

 

 

Condividi su