News

Cosa ha deciso la prima assemblea di +Europa

Si è conclusa a Roma la prima assemblea nazionale di +Europa. 

Al termine dei lavori, e dopo la relazione del segretario Benedetto Della Vedova e gli interventi, tra gli altri, di Emma Bonino, Bruno Tabacci, Alessandro Fusacchia, Marco Cappato, è stato dato mandato al segretario e alla direzione di lanciare le iniziative politiche di +Europa in vista delle europee di maggio, mettendo al centro i temi del lavoro e della mobilità, della libertà economica, della promozione dell’impresa, dell’innovazione e della ricerca, dell’istruzione e della formazione, dell’ecologia, dei cambiamenti climatici e della riconversione del sistema economico-produttivo, della difesa e della promozione dei diritti civili, della costruzione di una politica comune in materia di immigrazione e integrazione. L’assemblea ha dato mandato agli organi di proseguire il confronto con altre forze politiche, a partire da Italia in Comune e Verdi, Volt, Partito Democratico europeo, per la partecipazione alle prossime elezioni europee, valutando la possibilità di altri gruppi politici affini di aderire alla lista di +Europa per le europee. 

Inoltre, l’assemblea ha deciso di promuovere, identificando partner politici e civici, iniziative di cittadini europei (ICE), sui temi dell’ambiente e dell’ecologia, dell’istruzione e della formazione, dello stato di diritto e della democrazia, e una o più iniziative nazionali sullo sviluppo del Mezzogiorno, sull’agenda 2030 e lo sviluppo sostenibile.

Si è inoltre deciso di promuovere una proposta di legge per l’inserimento in costituzione dell’equità intergenerazionale e della sostenibilità e una petizione in favore della libertà di apertura degli esercizi commerciali, per promuovere un eventuale referendum abrogativo in caso di approvazione della legge sulle chiusure domenicali.

L’assemblea di +Europa, infine, ha prorogato Gianfranco Spadaccia alla carica di presidente e Silvja Manzi a quella di amministratore, riconvocadosi il 22 e 23 giugno 2019 per l’elezione di questi organi e di due vicepresidenti.

Condividi su