News

Giornata dei migranti, occasione persa per ‘Ero straniero’ in manovra

di Benedetta Dentamaro

La giornata internazionale dei diritti dei migranti e delle loro famiglie del 18 dicembre 2019 è dedicata alla coesione sociale. I migranti sono “parte integrante della società”, ha ricordato il segretario generale dell’Onu Guterres, e contribuiscono allo sviluppo del paese di destinazione e di quello di origine.
L’Italia ha perso una buona occasione per adottare una misura concreta in risposta a questa iniziativa delle Nazioni Unite.
Infatti, gli emendamenti alla legge di bilancio che attuano la campagna ‘Ero straniero’, a firma di Emma Bonino e altri senatori, sono stati respinti dalla commissione bilancio del Senato nella seduta del 13 dicembre.
La proposta mirava a regolarizzare i migranti extracomunitari giunti in Italia senza titolo di soggiorno, in presenza di un contratto di lavoro.
Questa misura avrebbe innescato il circolo virtuoso di sottrarre molti immigrati alla disperazione del lavoro nero. Avrebbe inoltre consentito un dignitoso inserimento nel paese di destinazione, alla luce del sole, e favorito i ricongiungimenti familiari.
Non da ultimo, se approvata, la norma avrebbe avuto conseguenze positive dirette per l’economia italiana: vantaggi per i datori di lavoro, e un miliardo di euro all’anno stimati per le casse dello stato. Da cui la proposta di inserimento nella legge di bilancio.
Tuttavia, il governo ha dato parere negativo agli emendamenti, poi respinti in Senato.
La proposta rimane all’esame del parlamento come iniziativa di legge popolare.

Condividi su