News

Il parlamento discuta il nostro ddl sugli strumenti di partecipazione locale

Di Valerio Federico

Il Consiglio d’Europa garantisce ai cittadini il diritto di partecipare agli affari delle collettività locali, l’affermazione di questo diritto è poco conosciuta ma finalmente anche l’Italia si accinge a ratificare il Protocollo che lo prevede.

Il testo del disegno di legge è stato assegnato alla Commissione Affari Esteri del Senato. In caso di ratifica l’Italia dovrà garantire il diritto a ogni cittadino di adoperarsi per determinare l’esercizio delle competenze di una collettività locale, anche oltre il momento elettorale con strumenti di iniziativa popolare e di partecipazione alla valutazione del funzionamento dei servizi pubblici. Lo Stato italiano e le autonomie territoriali dovranno prevedere leggi e regole statutarie per facilitare l’esercizio di questo diritto.

+Europa ha depositato alla Camera già il 17 luglio 2018 una proposta di legge “Più democrazia, più sovranità al cittadino” che prevede, tra l’altro, referendum propositivi, abrogativi e confermativi negli statuti di tutti i comuni, la sottoscrizione online delle liste anche per le elezioni locali e l’obbligo di misurazione della qualità di tutti i servizi pubblici.

E’ il momento che il Parlamento discuta la proposta di +Europa.

Condividi su