News

Hong Kong: L’Italia non può lascare soli gli attivisti democratici

Di Yuri Guaiana

Joshua Wong, leader del movimento democratico di Hong Kong è stato posto in detenzione insieme ad altri due noti attivisti: Agnes Chow e Ivan Lam.

I tre rischiano una condanna a 5 anni per una manifestazione contro l’uso di gas lacrimogeni e proiettili di gomma da parte della polizia nel 2019.

La misura di restrizione della libertà è stata decisa in attesa della sentenza, prevista il 2 dicembre. All’avvocatessa del processo, oggi, Joshua, Agnes e Ivan si sono dichiarati colpevoli.

Sull’account twitter di Joshua si può leggere: «Quello che stiamo facendo ora è spiegare il valore della libertà al mondo. Sto ancora imparando a vincere la paura e credo che voi siate con me in questo viaggio».

Ecco, l’Italia non può lasciare soli Joshua e tutti gli altri attivisti democratici di Hong Kong di fronte alle costanti violazioni dei diritti umani, arresti arbitrari e repressione del dissenso. Parlamento e governo si esprimano immediatamente e senza esitazioni!

Condividi su