News

Più Europa al Council di ALDE Party

di Anita Bernacchia, Francesca Mercanti, Diana Severati

 

Più Europa, partito liberale a vocazione europeista ed ecologista, è da marzo 2019 membro di ALDE Party, la famiglia dei liberaldemocratici europei.

Nato nel 1976, ALDE diventa nel 1993 il primo esempio di partito transnazionale europeo. Sono due gli appuntamenti chiave nella vita del partito: il Consiglio e il Congresso. Il Consiglio (Council) si svolge due volte l’anno, elegge il Segretario Generale e delibera su questioni finanziarie (bilancio e sponsorship) e legislative interne. Al Congresso annuale vengono invece rinnovate le cariche statutarie e approvate le risoluzioni che orienteranno la direzione politica del partito. Queste saranno poi trasformate in proposta legislativa dal gruppo Renew Europe al Parlamento europeo.

Nel 2019 il Congresso si è svolto ad Atene. È stata l’occasione per Più Europa di debuttare sulla scena europea partecipando con una delegazione di 9 persone (tanti i voti che Più Europa detiene in sede di votazione in plenaria) guidata da Gianfranco Dell’Alba, e di presentare e vedere approvata una mozione sui valori democratici europei.

All’ultimo Council, svoltosi il 18 novembre scorso, le delegazioni dei partiti membri e la dirigenza di ALDE Party si sono riunite per trovare una posizione comune sulle sfide che l’Europa sta affrontando, dalla crisi sanitaria, a quella migratoria, alla doppia transizione ambientale e digitale, alla riforma dei trattati UE. Il Council ha visto l’adesione di due nuovi partiti membri, Dimokratiki Parataxi da Cipro e ?????/Golos dall’Ucraina, mentre Jacob Moroza-Rasmussen è stato riconfermato Segretario Generale.

La Direzione di ALDE ha presentato una risoluzione sulla pandemia del Covid-19 e una sulla Conferenza sul futuro dell’Europa, entrambe adottate in plenaria.

La risoluzione sul Covid-19 ha messo in rilievo il macro-tema della risposta europea alla pandemia, impostata su un programma di vaccinazione europea coordinato, sull’aumento degli investimenti nella ricerca medica e sulla creazione di organismi UE ad hoc per le emergenze sanitarie.

Sul futuro dell’Europa e dell’UE si è concentrata invece la risoluzione sulla Conferenza sul futuro dell’Europa. Tra i temi su cui ALDE intende dare un contributo figurano l’approfondimento del sistema Schengen; la migrazione; una strategia sul razzismo; l’adeguamento della legge UE sulla concorrenza alle sfide del digitale; l’allargamento; l’esigenza di introdurre nel Consiglio UE il voto a maggioranza qualificata su questioni di politica estera e di sicurezza; la creazione di un Consiglio europeo ad hoc per la sicurezza; il conferimento al Parlamento europeo del diritto di iniziativa legislativa; il rafforzamento del Servizio di azione esterna UE e della figura dell’Alto rappresentante per la PESC; una difesa comune europea; vincolare l’erogazione dei fondi del bilancio e di Next Generation EU al rispetto dello stato di diritto; infine un approccio europeo che consenta a cittadini e imprese di affrontare la crisi.

Si tratta dunque di molti dei temi cari a Più Europa. Ma quale è stato il contributo del nostro partito al Council? Più Europa è stata rappresentata in plenaria dai 2 delegati a noi spettanti, ovvero il Segretario Benedetto Della Vedova e Francesca Mercanti della Direzione Nazionale. Il nostro impegno è stato presente, inoltre, con le proposte sulla seconda risoluzione sulla Conferenza, venute da alcuni attivisti come quelli di +Europa Bruxelles (Anita Bernacchia, Francesco Franco, Diana Severati, Renata Schiavone) e il loro gruppo di lavoro dedicato. Anita Bernacchia ha poi rappresentato il partito nel working group sulle risoluzioni preliminare alla plenaria.

Il prossimo Council si terrà a Stoccolma nell’aprile 2021, in occasione del prossimo Congresso di ALDE Party. Reputiamo essenziale cominciare da adesso un percorso di ancora maggior coinvolgimento di Più Europa nel dibattito politico dei liberali europei, onde aumentare la visibilità del nostro partito all’interno di ALDE e la sua capacità di incidere nella definizione degli orientamenti politici.

Tale coinvolgimento potrebbe assumere diverse forme, dalle iniziative su temi specifici, al rafforzamento dei rapporti con gli altri partiti della famiglia liberale europea, senza dimenticare il ruolo del gruppo dei Membri Individuali di ALDE Party, cui aderiscono molti dei nostri iscritti.

Per Più Europa, e per un’Italia più europea.

 

?? Guarda il video dell’ ALDE Party – Liberals and Democrats for Europe

?? Leggi le risoluzioni approvate nella riunione:

– Lessons learned from the COVID-19 pandemic

– ALDE input to the Conference on the Future of Europe

 

 

 

Condividi su