News

Litigare sulla cabina di regia: il preludio dello sperpero dei soldi del Recovery

di Giordano Masini

Le polemiche tra ministri, presidente del consiglio e partiti della maggioranza sulle forme da dare alla struttura incaricata di gestire le risorse del recovery fund sono il frutto della mancanza di visione e di idee su come quelle risorse andranno spese: ancora non lo sappiamo, non lo sa nessuno, nemmeno loro, ma già si litigano la ‘cabina di regia’.

Questo è il preludio del tentativo di far finire tutto nel calderone tossico della spesa corrente e improduttiva, in cui non conta il progetto migliore ma solo chi si trova in posizione avvantaggiata rispetto alla ‘regia’, per ottenere e spendere di più. La premessa perfetta  per spendere male.

Siamo d’accordo con quanto propone Carlo Calenda: lavorino i ministri e si istituisca un project management incaricato non di definire le priorità ma di occuparsi delle difficoltà strutturali che impediscono o rallentano l’implementazione dei programmi. Ma soprattutto, aggiungiamo, si spieghi una volta per tutte cosa si vuole fare con le risorse di NextGenerationEu, si definisca un progetto credibile di trasformazione per l’Italia. Tutto il resto, come si usa dire è fuffa.

Condividi su